So wird im Friaul über unser Buch
Friaul für alle Jahreszeiten berichtet

Geschrieben von Franz Hlavac. Geposted in Presse, Über uns geschrieben

Il Gazzettino – Ausgabe Pordenone, 11.10.2018

Messaggero Veneto – Ausgabe Provinz Pordenone, 11.10.2018


http://diblas-udine.blogautore.repubblica.it/2018/10/11/dodici-itinerari-per-far-scoprire-il-friuli-anche-minore-agli-austriaci/

Dodici itinerari per far scoprire il Friuli (anche minore) agli austriaci

Attenti a quei due! Gisela Hopfmüller e Franz Hlavac – marito e moglie da 37 anni e prima ancora giornalisti di punta dell’Orf, la tv pubblica austriaca – hanno “colpito” ancora, pubblicando un nuovo libro sul Friuli. Da quando sono entrambi in pensione (ormai oltre dieci anni) vivono tra Vienna, loro città di residenza, e Varmo, dove hanno acquistato una casa e trascorrono molta parte dell’anno coltivando un vigneto.

Come tanti austriaci, sono innamorati della nostra regione e lo hanno dimostrato cercando di farla conoscere ai loro connazionali. Il libro appena uscito è il quinto dedicato al Friuli Venezia Giulia, frutto del loro lavoro a quattro mani. Si intitola “Friaul für alle Jahreszeiten” (“Friuli per tutte le stagioni”) ed è una guida che propone 12 itinerari per conoscere meglio questa regione, in particolare tante piccole località spesso ignote persino ai friulani, ma che invece rappresentano autentici gioielli artistici o paesaggistici.

Naturalmente ci sono città come Udine e Pordenone, ma le altre pagine si soffermano sui centri minori, da Cividale a Palmanova, Aquileia, Codroipo, San Daniele, Spilimbergo, Gemona, Venzone. E poi ci sono i tanti piccoli paesi della pianura e della montagna e la laguna di Marano. Alcune pagine sono dedicate anche a Grado, unica citazione della provincia di Gorizia, a cui forse Hopfmüller e Hlavac dedicheranno in futuro una nuova guida estesa anche a Trieste.

La guida è stata edita dalla casa Heyn, di Klagenfurt, e in tre settimane ha già venduto oltre mille copie. L’accoglienza registrata finora fa ritenere che anche questa pubblicazione possa rappresentare un successo editoriale, come le precedenti, alcune delle quali – cosa inusuale per libri di carattere turistico – erano state per qualche settimana in testa alle classifiche dei libri più venduti in Austria.

Le ragioni di tanto interesse sono più d’una. La prima senza dubbio è che sono scritti bene, da autori sensibili al patrimonio culturale e alla bellezza (Hopfmüller e Hlavac da giornalisti si erano occupati prevalentemente di politica ed economia, ma hanno alle spalle studi universitari in storia e storia dell’arte). Poi conta il fatto che sono entrambi firme note al pubblico austriaco, come se da noi una guida sull’Austria fosse scritta da un Bruno Vespa o da un Giovanni Floris.

Ma la marcia in più del loro lavoro è che non è la semplice traduzione di una guida scritta da italiani per gli italiani, ma è una guida scritta da austriaci che ormai conoscono il Friuli meglio dei friulani, ma conoscono soprattutto i loro connazionali a cui si rivolgono L’interesse è tale, che già in questi primi giorni “Friaul für alle Jahreszeiten” è stato presentato due volte a Vienna e poi anche in Carinzia, Stiria e Bassa Austria. Oggi sarà presentato a Villaco e più avanti a Bleiburg (Carinzia). Nei primi giorni di novembre i due autori sono stati invitati anche a Bayreuth, in Baviera, primo passo verso la diffusione della guida anche in Germania. Sono eventi in cui quasi sempre si fa il tutto esaurito, occorre prenotarsi e il pubblico talvolta paga per partecipare.

Ieri mattina la guida è stata presentata anche alla Camera di commercio di Pordenone, che attraverso l’azienda speciale ConCentro e insieme con il Comune di Pordenone, ha collaborato con gli autori nella stesura delle pagine dedicate alla provincia della Destra Tagliamento. All’incontro hanno partecipato Giovanni Pavan, già presidente dell’ente camerale, l’assessora comunale Guglielmina Cucci e Silvano Pascolo, amministratore unico di ConCentro.

Di solito presentazioni del genere servono a promuovere la vendita di una pubblicazione. Non in questo caso, trattandosi di una guida in lingua tedesca non dedicata al pubblico italiano. Lo scopo probabilmente era piuttosto quello di prendere conoscenza di uno strumento – la guida fresca di stampa – destinato ad essere uno strumento potente di promozione turistica, più di quanto ora ci si riesca a immaginare. Ma una seconda ragione, non detta, era forse quella di rendere consapevoli i pordenonesi di quanto sia ricco e interessante il loro patrimonio culturale, storico e paesaggistico. Lo ha detto esplicitamente Gisela Hopfmüller, quasi alla fine del suo intervento, quando ha esortato gli ospiti della Camera di commercio a “credere di più in se stessi e a non sottovalutare” i gioielli di cui dispongono.

La guida è di tutto il Friuli (a parte Gorizia, come si è detto). Perché allora la presentazione solo a Pordenone e non anche a Udine? “Perché Udine non era interessata”, ha risposto Hopfmüller alla nostra domanda. “Avevamo manifestato la nostra disponibilità sia al Comune di Udine, sia a quelli di Lignano, molto amato dagli austriaci, ma non hanno nemmeno risposto alla nostra lettera”. In compenso ha risposto Grado, dove la guida sarà presentata sabato, alle 17.30, all’hotel Marea, in via dei Provveditori. Un’altra presentazione è in programma domani, alle 18.30, nella sala consiliare di Varmo, ma in questo caso si tratta di una “partita in casa”: Varmo è ormai la seconda patria di Gisela e Franz.


Privat-TV-Sender “il 13”

https://www.facebook.com/tviltredici/


La Vita Cattolica Ausgabe Oktober 2018

Pordenone: Unser neues Friaul-Buch
vorgestellt in einer Pressekonferenz

Geschrieben von Gisela & Franz. Geposted in Aktuelles, Bücher, Über uns geschrieben

Die Aufmerksamkeit unserer Leser auf eine besonders reizvolle und doch oft zu wenig beachtete Gegend des Friaul zu lenken, nämlich die Provinz Pordenone – das ist eines unserer Anliegen mit dem neuen Buch „Friaul für alle Jahreszeiten“. Es war eine große Ehre, dass wir es auf Einladung der Handelskammer und der Gemeinde Pordenone in einer Pressekonferenz näher vorstellen durften.

Es ist ein wunderbares Gefühl zu registrieren, dass unsere Arbeit und die des Verlages Johannes Heyn für dieses Buch auf so viel Zustimmung trifft. Das drückte sich auch aus in der hochkarätigen Besetzung dieser Pressepräsentation: Der Präsident der Camera di Commercio Pordenone (Handelskammer) Giovanni Pavan, die Tourismus-Stadträtin Guglielmina Cucci, weiters mit Silvano Pascolo und Emanuela Fattorel die Leiter der Handelskammer-Agentur ConCentro sowie der Pordenone-Repräsentant der Tourismusagentur der Region Friaul Julisch Venetien PromoTurismo FVG Maurizio Tomasi. Außerdem noch mit dabei aus der Stadt Sacile die Stadträtin für Kultur und Kommunikation Roberta Lot sowie Marisa Poletto vom Tourimusbüro Sacile. Moderiert und uns interviewt hat bei der Veranstaltung Alberto Cancian. Unter den interessierten Journalisten auch Marco Di Blas, der für die Tageszeitung Messaggero Veneto und für seinen Blog mit Österreich-Infos schon mehrfach tolle Artikel über uns geschrieben hat. Für einen TV-Beitrag gedreht hat ein Redakteur des Privatsenders „il 13“. Gekommen waren auch Bepo Brun von der Associazione Naturalistica des Ortes Cordenons, der uns die pordenonesische Steppe Magredi so interessant nahegebracht hat, und Sandro Mutton vom Consorzio FigoMoro aus Caneva, durch den wir die Besonderheiten der köstlichen schwarzen Feigen dieser Gegend näher kennenlernen durften. Beides haben wir ja im Buch auch beschrieben. Wie schön, wenn man wie wir in Friaul so viele Freunde gefunden hat! So macht unsere Arbeit wirklich Spaß!