Medienecho auf Präsentation in Varmo

Geschrieben von Franz Hlavac. Geposted in Aktuelles, Über uns geschrieben

a3 a0
messaggeroveneto.gelocal.it/udine/cronaca/2014/10/15/news/le-ricette-che-fanno-conoscere-una-terra-1.10126438″

VARMO. Nella splendida Villa Giacomini è stato presentato “Unsere Friaul Rezepte” o “Le nostre ricette friulane”, di Gisela Hopfmüller e Franz Hlavac, con magnifiche fotografie di Mayda Mason per Pilcher editore.

Ha aperto gli interventi l’assessore comunale alla cultura, Michela De Candido, mentre la scuola di musica ha proposto dolci intermezzi tra una lettura e l’altra. Secondo l’artista Federica Ravizza, «scocca la scintilla dell’amore» alludendo alla passione degli autori d’Oltralpe per Varmo e, più in generale, per il Friuli Venezia Giulia. Il libro, è stato anche detto, «è un sapere sapore». Alla serata è intervenuto anche Aldo Morassutti, patron del noto ristorante Da Toni. Gli autori, commossi per la partecipata serata, hanno precisato che si tratta del «nostro terzo libro, abbiamo lavorato con entusiasmo». Quindi è stato letto un estratto dell’introduzione tradotto in italiano da Sabrina Michelin. Vi sono presenti oltre un centinaio di ricette. Non mancano suggerimenti di come abbinare cibo e vino per esaltarne il gusto. Enogastronomia e substrato socio-culturale. Gisela e Franz hanno espresso così il loro «grazie di cuore per l’amicizia che abbiamo qui da oltre 12 anni». L’evento è stato concluso dalle parole del sindaco Sergio Michelin, secondo il quale i due autori del libro «con le loro opere fanno conoscere il territorio e le sue specialità oltre confine». Alla presentazione c’erano anche il sindaco di Camino al Tagliamento, Nicola Locatelli, e il vicesindaco di Codroipo, Ezio Bozzini.

Monia Andri

www.vivicodroipo.com/notizie/2014/10/medio-friuli-la-cucina-di-varmo

Medio Friuli: la cucina di Varmo A cura di Alex Carrasco

Gli altri ci vedono meglio, da punti d’osservazione diversi, scoprono le peculiarità che noi stessi, avendole da sempre davanti agli occhi, non notiamo nemmeno. Ecco probabilmente perché la coppia di austriaci Gisela Hopfmüller e Franz Hlavac, che dal 2002 hanno comprato casa a Varmo (UD) dove risiedono per circa cinque mesi l’anno, sono riusciti a scrivere due libri sulle località più belle della nostra regione, in tedesco, ottenendo un enorme successo di vendita in Austria e Germania. Quest’anno i due innamorati del Friuli, hanno deciso di scrivere il loro terzo libro, dedicato esclusivamente alla cucina friulana. Del resto Varmo è, quasi inconsciamente, il fulcro della migliore gastronomia regionale, con alcuni tra i più famosi e capaci cuochi della cucina tradizionale friulana, sia nei più rinomati ristoranti, sia nei locali sconosciuti ai più, quasi nascosti tra le ville medievali della zona. Un anno di lavoro per provare tutte le ricette che hanno scoperto, realizzarle, descriverle, trascriverle e fotografarle per redigere un libro che in meno di un mese dall’uscita nelle librerie teutoniche e in internet, hanno già venduto oltre mille copie. Innegabile la loro capacità d’espressione giacché, per oltre vent’anni lei e trenta lui, hanno lavorato come giornalisti per l’ORF la televisione di stato austriaca. Il titolo “Unsere Friaul Rezepte” (Le nostre ricette friulane) è una classica raccolta di ricette dei piatti tradizionali del Friuli Venezia Giulia. Gisela e Franz sono una coppia ospitale e le loro maniere dolci sono ricambiate dalla popolazione di Varmo. Dopo la prima presentazione ufficiale avvenuta il 25 settembre a Klagenfurt, sabato 11 ottobre c’è stato l’evento organizzato con l’amministrazione del sindaco Sergio Michelin in Villa Giacomini. Un incontro per parlare del libro nella loro seconda casa, alla presenza di oltre centotrenta ospiti. In quella Varmo dove i loro libri sono nati. I loro testi sono scritti solo in tedesco, sebbene abbiamo già avuto diverse richieste per versioni in italiano. Così nel loro futuro ci dovrebbe essere una versione nella nostra lingua dei primi due libri in un collage dei capitoli più importanti e probabilmente anche quest’ultima fatica sulla cucina, potrebbe essere tradotto a breve per renderlo fruibile anche noi. Il libro di Gisela e Franz ha un approccio semplice alla cultura tradizionale della gastronomia locale, d’altronde non sono cuochi professionisti, quindi hanno riscontrato e affrontato i problemi comuni nella preparazione delle pietanze, descritte con semplicità. In attesa della traduzione, chi non ha studiato la lingua tedesca, può gustarsi solo le splendide fotografie presenti nel libro e ringraziare comunque la coppia che sta dando tanta notorietà alla nostra regione, soprattutto in un territorio come quello di lingua tedesca che da oltre cent’anni rappresenta la fonte più importante per il turismo regionale, che proprio in questi ultimi anni di crisi globale in peggioramento, trova un’importante alleanza con questi due complici nella promozione del nostro territorio.

trevenezie.it/it/cucina-varmo“

portalefvg.com/2014/10/15/medio-friuli-la-cucina-di-varmo“

Unsere Friaul Rezepte
im Messagero Veneto

Geschrieben von Franz Hlavac. Geposted in Aktuelles, Presse, Über uns geschrieben

a1

Dalle uova ricevute in dono l’idea di un libro sulla cucina friulana

L’Agenzia del turismo del Friuli Venezia Giulia non lo sa, ma ci sono due persone che lavorano per far conoscere le ricchezze della regione agli austriaci e lo fanno gratis. Sono i coniugi Gisela Hopfmüller e Franz Hlavac, noti giornalisti dell’Orf, la tv pubblica austriaca, che, da quando sono in pensione, hanno messo su casa a Varmo, innamorandosi del Friuli e rimanendo contagiati dalla sua cultura e dalle sue tradizioni. Varmo non è diventata soltanto la loro “seconda patria”, dopo Vienna, ma anche il luogo dove hanno piantato una piccola vigna e hanno conosciuto la cucina friulana, quella tradizionale che, appartenendo a una terra storicamente povera, è anch’essa povera e, ciononostante, miracolosamente saporita.

In questa breve stagione della loro vita tra Vienna e Varmo hanno dedicato al Friuli già due libri, che sono andati a ruba in tutta l’Austria e ora ne hanno pronto un terzo, che presenteranno per la prima volta a Klagenfurt, il 25 settembre. Si intitola “Unsere Friaul Rezepte” (Le nostre ricette friulane) ed è un collage di ricette dei piatti tradizionali del Friuli e dei “dintorni” (dove per dintorni si può intendere un’area più vasta, estesa a Trieste e al Nordest d’Italia).

Con quelle uova – e con le spiegazioni dei primi conoscenti friulani – i due giornalisti viennesi avevano preparato una frittata, come si usa fare in Friuli. Era stato il primo passo di un lungo cammino che ha portato i due “friulani d’elezione” a conoscere la gastronomia friulana forse meglio dei friulani. Seguendo i consigli di amici e conoscenti, di casalinghe e cuochi di professione, frequentando trattorie e mercati di prodotti ortofrutticoli e di pesce e soprattutto sottoponendo a stringenti interrogatori i loro interlocutori, Gisela Hopfmüller e Franz Hlavac hanno conosciuto tutti i segreti della cucina friulana. Hanno sperimentato nella loro cucina le nozioni che avevano acquisito e, alla fine, se ne sono serviti per scrivere il libro che il 25 settembre presenteranno a Klagenfurt.

Il successo è assicurato, perché il pubblico austriaco, che anche solo occasionalmente ha conosciuto i piatti della tradizione friulana, ne è rimasto conquistato e vorrebbe riproporli in casa propria, ma non osa farlo, per timore di non sapere bene come si fa. Il libro di Gisela e Franz serve proprio a spiegare loro “come si fa”. “Come molte altre persone – spiegano gli autori – noi non siamo cuochi professionisti, perciò per noi è stato molto importante raccogliere ricette che si potessero usare in cucina in modo semplice”.

“UNSERE FRIAUL REZEPTE” (“Le nostre ricette friulane”) di Gisela Hopfmüller e Franz Hlavac, Pichler Editore, 228 pagine, 24,99 euro. Prima presentazione: 25 settembre, ore 19.00, libreria Heyn in Kramergasse 2-4, Klagenfurt. Alla presentazione del libro seguirà una piccola degustazione. Ingresso 12 euro (consigliabile la prenotazione: tel.0043-463-54249-0, buch@heyn.at o su Facebook).